Butrinto - Butrinti - Buthrotum







Butrinto  è  un sito archeologico in Albania

Butrinto in albanese Butrint o Butrinti - Bouthroton in greco antico e Buthrotum in latino. Butrinti è una città e un sito archeologico nel sud dell'Albania, vicino al confine con la Grecia. Butrinti si trova su una collina vicina al Canale di Vivari. Abitata fin della preistoria, Butrinto era una città appartenente alla civiltà Illirica.
Secondo Virgilio venne fondata dal profeta troiano Eleno, figlio del re Priamo, che dopo la caduta di Troia sposò Andromaca e si spostò a occidente. Lo storico Dionigi di Alicarnasso scrisse che Enea visitò Butrinto dopo la fuga dalla distruzione di Troia. Virgilio ricordò la città in alcuni versi del suo poema dedicato all'eroe troiano. Butrinto in origine era una città della regione dell'Epiro ed aveva contatti con la colonia greca di Corfù e le tribù dell'Illiria a nord.
I resti archeologici più antichi risalgono ad un periodo compreso fra il XII e XIII secolo A.C. . L'insediamento probabilmente mercanteggiava con Corfù e aveva una fortezza ed un santuario. Butrinto era in una posizione strategicamente importante a causa dell'accesso allo stretto di Corfù. Dal IV secolo a.C. crebbe in importanza e comprendeva un teatro, un tempio ad Asclepio ed un'agorà. Nel 228 a.C. Butrinto divenne un protettorato romano insieme a Corfù, e successivamente divenne parte della provincia dell'Illyricum.



Butrint is an archaeological site in Albania.

Butrint in Albanian Butrint or Butrinti - Bouthroton in ancient Greek and Buthrotum in Latin. Butrinti is a city and archaeological site in southern Albania, near the border with Greece. Butrinti is located on a hill near the Vivari Channel. Inhabited since prehistoric times, Butrint was a city belonging to the Illyrian civilization.
According to Virgil it was founded by the Trojan prophet Eleno, son of King Priam, who after the fall of Troy married Andromache and moved west. Historian Dionysius of Halicarnassus wrote that Aeneas visited Butrint after fleeing the destruction of Troy. Virgil remembered the city in some verses of his poem dedicated to the Trojan hero. Butrint was originally a city in the Epirus region and had contacts with the Greek colony of Corfu and the Illyrian tribes to the north.
The oldest archaeological remains date back to a period between the 12th and 13th centuries BC. . The settlement probably traded with Corfu and had a fortress and a sanctuary. Butrint was in a strategically important position due to the access to the strait of Corfu. From the 4th century BC it grew in importance and included a theater, a temple to Asclepius and an agora. In 228 BC Butrint became a Roman protectorate along with Corfu, and later became part of the Illyricum province.



I primi scavi archeologici cominciarono comunque nel 1928 quando il governo italiano mandò una spedizione verso Butrinto, condotta da Luigi Maria Ugolini, che lavorò ottimamente fino alla sua morte nel 1936, ma gli scavi continuarono fino al 1943, fermati dalla II guerra mondiale. Vennero riportate alla luce la città romana e la città greca, comprese la porta dei Leoni e le porte Scee, chiamate così da Ugolini in ricordo delle famose porte di Troia nominate nell’Iliade.
I resti archeologici di Butrinto fanno parte del terreno boscoso naturale con un ecosistema complesso, dipendente dai vicini Lago di Butrinto e Canale di Vivari, quest’ultimo drenante il primo dentro il Mar Ionio. 
Il Parco archeologico è anche importantissimo per la conservazione della biodiversità poiché comprende 14 specie animali e 16 vegetali in pericolo di estinzione. La zona umida è modellata da una laguna di 1600 ettari conosciuta come Lago di Butrinto, circondata da monti boscosi, acqua dolce e paludi salmastre ed è collegata allo stretto di Corfù dal Canale di Vivari. Il “Lago” è profondo in media 14 m (per un massimo di 22 m), mentre il canale naturale di Vivari raggiunge la larghezza di 100 m.  quest’ultimo drenante il lago dentro il Mar Ionio.

However, the first archaeological excavations began in 1928 when the Italian government sent an expedition to Butrint, led by Luigi Maria Ugolini, who worked very well until his death in 1936, but the excavations continued until 1943, stopped by World War II. The Roman city and the Greek city were unearthed, including the gate of the Lions and the Scee gates, named by Ugolini in memory of the famous gates of Troy mentioned in the Iliad.
The archaeological remains of Butrint are part of the natural woodland with a complex ecosystem, dependent on the nearby Lake Butrint and the Vivari Channel, the latter draining the former into the Ionian Sea.

When you enter the site, the path leads to the right, to the Greek theater of Butrint, isolated in the forest under the acropolis. It is one of the best preserved ancient theaters in Albania, with 19 levels of seating. It was built for the first time in the second half of the 3rd century BC; Also in use during the Roman period, the theater could accommodate about 2500 people.



Butrinti è una città e un sito archeologico in Albania, vicino a Saranda e al confine con la Grecia. Si trova su una collina vicina al Canale di Vivari. Nell'antichità era conosciuta come Bouthroton in greco antico e come Buthrotum in latino Buthrotum antico (Bothrota), è situata nel sud-ovest dell'Albania, 10 km a sud di Saranda. La sua ubicazione è spettacolosa: la città antica occupa una collina alta e ripida che sporge sul canale di Vivari, lungo 4 km ad ovest di Butrint, e connette il Lago Butrinti (Bufi) di acqua salata del retroterra al mare Ionio nello stretto di Corfu. A sud del canale giace un piana, ricavata con il drenaggio delle acque con dighe, che separa Butrinti dalla serie di montagne che corrono lungo la frontiera meridionale dell' Albania con la Grecia.
Butrinti fu fondata secondo la legenda da Eleno, figlio di Priamo e di Ecuba e famoso indovino, nell'Epiro. Sposò Andromaca la vedova di Ettore. Eleno a Butrinti diede ospitalità ad Enea, prima che l'eroe troiano facesse vela per la Sicilia. Virgilio nell'Eneida narra che Enea, costretto a fuggire da Troia rasa al suolo dai Greci, dopo aver a lungo navigato giunge a Butrinti, e chiese ad Eleno, che aveva il dono della profezia, quale sarà la meta del suo viaggio.
Butrinti fu costruita nel VI secolo B.C. da commercianti di Corfu. Butrinti giunse all'apice della sua gloria nel 4 secolo B.C. a quel tempo la città contava circa 10000 abitanti. La vista delle fortificazioni, che datano del sesto secolo B.c., evoca il potenziale militare ed economico della città a quel tempo. La collina su cui è costruita la città è circondata da una un muro costruito da blocchi di pietra enormi. Alcuni di Questi blocchi sono alti più di 2 metri e larghi 3,5 mt.
I romani nel secondo secolo d. C. usarono Butrinti come base per le campagne militari nei Balcani. Ed il secolo seguente diventò una colonia per i veterani di Giulio Cesare. I primi scavi archeologici cominciarono nel 1928 grazie ad un archeologo italiano, Luigi Maria Ugolini. Ugolini morì nel 1936, ma gli scavi continuarono fino al 1943. Butrinti dal 1992 è incluso nella lista dei monumenti dell'UNESCO
L'insediamento originario probabilmente mercanteggiava con Corfù e aveva una fortezza ed un santuario. Butrinto si trovava in una posizione strategicamente importante a causa dell'accesso allo stretto di Corfù.



Butrinti is a city and an archaeological site in Albania, near Saranda and on the border with Greece. It is located on a hill near the Vivari Channel. In ancient times it was known as Bouthroton in ancient Greek and as Buthrotum in Latin Ancient Buthrotum (Bothrota), is located in the southwest of Albania, 10 km south of Saranda. Its location is spectacular: the ancient city occupies a high and steep hill that juts out over the Vivari channel, 4km west of Butrint, and connects the inland saltwater Lake Butrinti (Bufi) to the Ionian sea in the strait of Corfu. To the south of the channel lies a plain, obtained with the drainage of water with dams, which separates Butrinti from the series of mountains that run along the southern border of Albania with Greece.
Butrinti was founded according to the legend by Elenus, son of Priam and Hecuba and a famous diviner, in Epirus. He married Andromache the widow of Hector. Helenus in Butrinti gave hospitality to Aeneas, before the Trojan hero set sail for Sicily. Virgil in the Aeneid narrates that Aeneas, forced to flee from Troy razed to the ground by the Greeks, after having sailed for a long time, reaches Butrinti, and asked Helenus, who had the gift of prophecy, what will be the destination of his journey.
Butrinti was built in the 6th century B.C. by Corfu merchants. Butrinti reached the height of his glory in the 4th century B.C. at that time the city had about 10,000 inhabitants. The sight of the fortifications, which date from the 6th century BC, evokes the military and economic potential of the city at that time. The hill on which the city is built is surrounded by a wall built of huge stone blocks. Some of these blocks are over 2 meters high and 3.5 meters wide.
The Romans in the second century AD C. used Butrinti as a base for military campaigns in the Balkans. And the following century it became a colony for Julius Caesar's veterans. The first archaeological excavations began in 1928 thanks to an Italian archaeologist, Luigi Maria Ugolini. Ugolini died in 1936, but excavations continued until 1943. Since 1992, Butrinti is included in the UNESCO list of monuments.
The original settlement probably traded with Corfu and had a fortress and a sanctuary. Butrint was in a strategically important position due to the access to the strait of Corfu. 

Particolari degli scavi, lato lago e vista della pianuraa verso il confine con la Grecia

Details of the excavations, lake side and view of the plain towards the border with Greece.

Particolari degli scavi della zona del Foro e Teatro e terme.

Details of the excavations in the area of the Forum and Theater and baths.

© Copyright 2021 Photography and content: Vincenzo Avagliano - All Rights Reserved Reproduction of the photos without permission is strictly prohibited.
enzo.avagliano@libero.it      -      enzo.avagliano@vincenzoavagliano.com

This website was designed with Mobirise theme