Salerno - Saint George's Church

The Baroque Church St. George is one of Salerno.
Located in the heart of the city, not far from the
cathedral and other ancient churches.
This is one of the oldest monastic settlements of
Salerno, whose foundation dates from the ninth
century begins. Originally the Church of St. George
was a Benedictine monastery in the neighborhood
the "Jewish" (a street that still exists).
he period of construction is estimated to before
the XI century during the Lombard domination.
The monastery housed the girls noble of Salerno,
according to the custom of the time, were not
destined for marriage.
At the end of the sixteenth century in the monastery
of San Giorgio were transferred all the nuns of the
Benedictine monasteries of the other cities
(St. Sophia, St. Michael and St. Mary Magdalene)
Thanks to the dowry of these girls, the monastery
became a place rich. In the seventeenth century,
demolished the old chapel was demolished and the
present church was built in the style Baroque style.
The church was adorned with gold, marble, stucco,
tiles, paintings and frescoes of artists Angelo and
Francesco Solimena
The marble altar is decorated with angels and
bas-reliefs of exquisite workmanship, where
stand-pearl inlays.
In 1711 the monastery was expanded with a new
draft prepared by Ferdinando Sanfelice famous
Neapolitan architect of the first half of the
eighteenth century.
The church was part of the homonymous monastery
of Benedictine nuns, the monastery has now been
transformed into headquarters of the
Guardia di Finanza and of the Carabinieri.
The tiled floor hidden archaeological remains:
using a hydraulic system that raises the floor has
been possible to create an opening through which
you can admire the ancient Roman
archaeological excavations.


For the geographic location - See Map

For more details see the caption under
the photos.

Tutti i diritti riservati Rights reserved © 2014
ottimizzato - optimized 1280 x 768

Riprodurre le foto senza permnesso è proibito.
Reproduction of the photos without
permission is strictly prohibited.
Photography and content: Vincenzo Avagliano
©Creation by Vincenzo Avagliano 2014

Salerno - indietro back

Salerno - Chiesa San Giorgio

La Chiesa Barocca di San Giorgio è una delle più belle di Salerno. Si trova nel centro storico della città, non lontana dal Duomo e dalle altre chiese d'epoca.
Si tratta di uno dei più antichi insediamenti monastici di Salerno, la cui fondazione risale agli inzi del IX secolo. In origine la Chiesa di San Giorgio era un monastero benedettino del quartiere "la giudaica" (un vicolo ancora esistente). L'epoca di costruzione si aggira a prima del 1000 in piena dominazione longobarda. Il monastero accoglieva le ragazze nobili di Salerno che, secondo l'usanza del tempo, non erano state destinate alla vita matrimoniale.
Alla fine del XVI secolo in San Giorgio vengono trasferite tutte le monache degli altri conventi benedettini della città (Santa Sofia, San Michele e Santa Maria Maddalena)
Grazie alla dote di queste fanciulle, il monastero divenne un luogo ricco. Nel Seicento, demolita l'antica cappella fu demolita e venne costruita l'attuale chiesa, nello stile Barocco, stile dell'epoca. La chiesa venne ornata con ori, marmi, stucchi, maioliche, quadri ed affreschi dei pittori Angelo e Francesco Solimena. L'altare marmoreo è decorato con angeli e bassorilievi di pregevole fattura, dove risaltano gli inserti in madreperla.
Nel 1711 il monastero viene ampliato con un nuovo progetto elaborato da Ferdinando Sanfelice, celebre architetto napoletano della prima metà del Settecento.
La chiesa fino alla soppressione postunitaria, faceva parte dell’omonimo convento di suore benedettine, oggi il monastero è stato trasformato in caserme della Guardia di Finanza e dell’arma dei Carabinieri.
Il pavimento copre dei resti archeologi: al centro delle maioliche, provenienti da botteghe artigiane delle costiera amalfitano-sorrentina, c'è un'apertura e mediante un sistema idraulico parte del pavimento si apre completamente, mostrando gli antichi resti archeologici

Per la posizione geografica, vedi la mappa


Per maggiori informazioni vedi la didascalia sotto le foto.